Seleziona una pagina

Video 1

Video 2

Video 3

Video 4

Video 5

Vai al video precedente

I 2 atteggiamenti che fanno scappare gli uomini

Video 3 di 5

Scarica i materiali GRATUITI

Fai click sui link viola qui sotto per scaricare gratuitamente i materiali in PDF di cui ti parlo in questo video. Puoi anche fare click con il tasto destro e scegliere “Salva con nome” per poter memorizzare i contenuti sul tuo PC, telefono o tablet, per poterli leggere anche offline, quando desideri.

1) Sommario del Video

2) Appunti di Viaggio

Hai fretta e vuoi iniziare subito il percorso?

Se vuoi puoi saltare subito all’ultimo video gratuito
e vedere il programma completo di
“Come fare innamorare un uomo e tenerselo”

Hai delle domande? Lasciami un commento

56 Commenti

  1. Ely

    Ciao Ilaria, grazie per questi video che arrivano dritti al cuore di chi li visiona, anche a quello di chi, come me, vi si è approcciata in modo un po’ scettico (non lo nego!), ma alla fine ha dovuto ammettere che sì, sono proprio io (o anche io) quella donna a cui ti rivolgi. Non che non lo sapessi in realtà, ma nascondere la testa sotto la sabbia e aspettare il miracolo senza mettersi in discussione è sempre più semplice. Non credo di essere stata mai davvero innamorata (e ho 30 anni), invaghita sì, sempre di gente sbagliata, dalla quale però ho avuto sempre la forza di allontanarmi (all’inizio con maggiore difficoltà) quando ho iniziato a percepirne la cattiveria gratuita. Certo, non ti nascondo che si resta sempre con un po’ di amaro in bocca e lo dico consapevole pure dei miei difetti. Non sono un tipo estroverso, ma quando sono a mio agio (e ci metto molto a esserlo) mi relaziono tranquillamente. Di mio tendo ad essere ironica e sarcastica, ma solo con gli affetti più cari, mai con le nuove conoscenze, con le quali invece tendo ad essere distaccata e di poche parole. Ho sofferto negli anni di ansia e attacchi di panico, che mi hanno rallentato negli studi e nella vita sociale e che sono stati generati dalla sensazione di non essere mai all’altezza (nonostante sia sempre rientrata tra quelli che vengono definiti “studenti modello”). Non voglio ammorbarti, ti dico solo che ora il traguardo – la laurea – è vicino. Ma nonostante questo, sento come se mancasse qualcosa. Forse oggi ancora di più perché c’è qualcuno che ha attratto la mia attenzione e con cui mi trovo (stranamente) bene quando mi ci trovo a parlare. Non so se riesco a rendere l’idea, ma è una di quelle persone con cui si ha,sin dal primo incontro, la percezione di avere un feeling particolare. Ha uno di quei rari sorrisi dotati di eterna rassicurazione, un modo di parlare pacato. Sembra mi capisca fin dove voglio essere capita. Sembrerò infantile o forse stupida, ma è esattamente così che mi sento dopo aver finito di chiacchierare con lui. Tanto che negli ultimi tempi è sorto in me il desiderio di volerlo conoscere meglio. Ma a volte, ti confesso, mi sento stupida, perché si tratta di un uomo in carriera un po’ più grande di me e la domanda “Ma cosa ci potrebbe trovare di interessante in me, che mi son persa tra ansia e panico?” è sempre dietro l’angolo. Sto prendendo nota dei tuoi consigli, un po’ con speranza e la convinzione di essere in grado di poter evolvere, un po’col timore di restare comunque imbrigliata. Saranno normali queste sensazioni opposte? Grazie ancora per quello che fai!

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Tutti noi esseri umani sperimentiamo sensazioni opposte. Al di là delle sensazioni opposte quella che è utile mettere in campo è anche un po’ di razionalità. Questo è un uomo interessante, secondo te. Bene. Di uomini interessanti ve ne sono molti. Ancora meglio. Ti piacerebbe conoscerlo meglio. E lui, secondo te, indipendentemente dalle tue costruzioni mentali, ti manda segnali di interesse? E’ interesse autentico? Insomma, certo, capisco il desiderio di conoscere un uomo meglio di quanto lo si conosca. E’ utile verificare il contesto, le opportunità, le condizioni. Soprattutto è utile pensare che non deve diventare la cosa più importante della propria vita. C’è anche altro da fare. Procedi con il percorso, che ti guida proprio ad attrarre nella tua vita la persona giusta, con determinazione e sicurezza.

    • Anna Maria

      Grazie Ilaria, un video interessantissimo, i tuoi consigli interessanti.
      Bella la tua persona insieme alla tua voce

    • Ilaria Cardani

      Grazie Anna Maria!

    • Mariagrazia

      Ciao Ilaria, grazie x il video, hai ragione sul dedicarsi a se stesse ed essere vive e positive,però qnd si hanno sorella e mamma del proprio compagno gelose,false,viscide,manipolatrici,opportuniste e prepotenti ed il proprio uomo nn sa fare nulla x difenderti ti viene solo RABBIA..TE cosa consigli?Perché dopo 4 anni e mezzo sn stufa ma sicuramente è colpa mia perché sn troppo fessa e approfittano…

    • Ilaria Cardani

      Io credo che questa non sia una relazione appagante. Forse è il caso di chiuderla, che dici? O vuoi rovinarti la vita per tutta la vita?

  2. Sera

    La mia storia è complicata, una separazione da 10 giorni da un uomo che nel matrimonio mi ha sempre tradita con la stessa persona, sua ex amore della sua vita. Non riesco a dimenticare tutto perché tutti giorni o quasi per via dei figli devo vederlo. Che fare per far rinascere la mia luce? Odio sentirmi in competizione con questa donna, mi è stata rovinata l’autostima e faccio fatica a vedermi bella e affascinante e pensare che una volta ero solare e conquista o qualsiasi ragazzo mi passasse davanti agli occhi, ora si è spento tutto sentendomi sempre inferiore. Riuscirò a tornare quella di prima?

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Sera, il mondo è pieno di storie complicate, davvero. Questo non è per sminuire la tua ma per dirti che molte donne attraversano o hanno attraversato quello che stai attraversando tu. Il consiglio è di organizzarsi nel quotidiano in modo da incontrare il soggetto il meno spesso possibile, magari usando stratagemmi vari tipo fargli trovare i figli pronti per andare via così da evitare di incontrarlo. Credo che la competizione con questa donna sia una tua idea. Vuoi competere per un simpaticone come tuo marito? Competeresti mai per vincere uno straccio? Su che cosa vuoi competere, di grazia? Sul riprenderti quel tesoro di uomo? Uhm… Nel caso poi, se devo dire mi sembra che la competizione non ci sia mai stata. Lui ha fatto sempre i suoi porci comodi e tu gliel’hai consentito. Lascia andare lui, lei, loro e tutto il resto e vedrai che non ci sarà più competizione di sorta. Tornerai quella di prima, certo, se lo desideri e se smetti a dare retta a questi due, che, nel mondo, contano nulla. E nella tua vita anche.

    • Anna

      Ciao Ilaria
      Io ti seguo da tempo e devo dire che metto in pratica i tuoi consigli. Li trovo molto interessanti, fantastici . Mi aiutano ad migliorare me stessi ad abbandonare le mie condizioni sbagliate….
      Ho in questo momento della mia vita, forse l’età, poche amizicixie, tutte sposate piu o meno felici, e dopo aver lasciato andare uomini sbagliati…la grande difficoltà di conoscere uomini. Ossia tutte le cose che faccio extra lavoro. Non mi fanno mai incontrare uomini…… se non solo sposati e in alcuni casi stronzi.
      Questo mi rattrista e non vorrei visitare i siti di incontri online.
      Grazie

    • Ilaria Cardani

      Anna, come spiego nel percorso è necessario perseverare e trasformare ogni occasione della vita – anche la più semplice, come andare a fare la spesa – come un’opportunità per incontrare persone nuove. Poi è necessario fare selezione, non buttarsi a capofitto in amicizie o relazioni, se non dopo attente riflessioni e diverse frequentazioni. Certo, sui siti online non si incontra di meglio. E’ utile partire sempre dalla capacità di fare selezione.

  3. Emme

    Mi è piaciuto molto questo video Ilaria, per il tono confidenziale con cui hai descritto i casi comuni delle “luci spente” e delle “guerriere”: mi sono riconosciuta in entrambi, ma ho anche potuto scoprire con piacere di fare già il necessario per non “morire dentro” (in definitiva) e raggiungere un equilibrio e una serenità interiori.

    Di recente ho letto il tuo articolo “Trovare l’amore a 30 anni”, e una frase mi ha colpito perché descrive perfettamente la mia situazione attuale: mi trovo “nello stato d’animo per il quale non te ne frega niente e sei entusiasta e soddisfatta di poterti occupare dei tuoi progetti senza pensieri o seccature”.

    Permettimi poi di farti i complimenti per l’idea dei video: se posso farti una confidenza, guardarti e ascoltarti mi ha dato una nuova immagine di te, positiva, diversa da quella che avevo talvolta leggendo il blog (complimenti anche per il look!) : )

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Emme, grazie per il commento e le belle parole. Un caro saluto 🙂 .

    • teresa

      Bellissimo video . Grazie per i preziosi consigli Ilaria

      Teresa

    • Ilaria Cardani

      Sono contenta che ti piaccia! Grazie a te!

  4. Sofia

    Grazie per quest’altro saggio video! Sono giovanissima, ho solo 24 anni e già brutte delusioni alle spalle. Uomini inaffidabili con cui ho perso molto tempo, mi ci sono allontanata con difficoltà ma ci sono riuscita. Non erano cattivi, semplicemente non era il mio carattere a piacergli e il loro interesse non era veramente profondo. Cosi sono scomparsi dopo avermi messo su un piedistallo. Non so se ho mai amato qualcuno ma ho sofferto e ho sicuramente fatto soffrire qualcuno. Non mi accontento facilmente,non voglio arrivare a 50 anni e dover divorziare con la consapevolezza di aver vissuto tutta la mia vita con un uomo sbagliato. Ne voglio uno soltanto che mi stia accanto sempre qualsiasi cosa succeda con attenzione e ottimismo.

    Rispondi
    • Alessandra

      Ciao Ilaria, la mia storia e iniziata due anni fa ,ho conosciuto un uomo di cui mi sono fidata subito, io separata da anni con due figlie grandi,lui da poco separato , ci siamo trovati subito come carattere come modo di pensare in molte cose , ci siamo innamorati e abbiamo sempre pensato al NOI con una nostra casa e piano piano integrare i suoi tre figli, le cose ora sono cambiate i suoi problemi di lavoro hanno fatto in modo che lui si chiudesse che non parlasse più come prima , e la sua ex moglie ci mette del suo per rovinare la sua vita, prima era molto affettuoso ora molto meno (forse anche la situazione fa la sua parte) io dico sempre ciò che penso anche se a lui da fastidio , spesso mi sembra distante scontroso chiuso ,io mi sono chiesta se era causa mia il suo diciamo distacco , sinceramente non so più come è cosa fare , sto imparando a non cercarlo più di tanto sto abbastanza sulle mie e questo mio atteggiamento capisco che lo fa pensare al perché, aiutami tu a capire cosa fare …

    • Ilaria Cardani

      Ciao Alessandra, quindi secondo te è colpa tua e della moglie. Lui non ha responsabilità. Invece io la penso diversamente e cioè che lui non abbia interesse, sotto molti punti di vista a stare con te e a prendere una decisione. Prendila tu, la decisione.

  5. Lety

    Ciao Ilaria.

    Sto prendendo appunti e rispondendo alle domande. Ho un vero blocco per la seconda domanda: che tipo di emozioni puoi abituarti a coltivare in te stessa per metterti in piena luce…?
    Credo che non ho neanche ben capito la domanda.
    Tra l altro ho un dubbio, posso abituarmi a coltivare le emozioni? Come?
    Nel video e nel ebook parli di fare cose che piacciono, trovare nuovi comportamenti, ecc è cosi che posso abituarmi a coltivare queste emozioni? Ho capito bene?

    Mi sento un po’ in imbarazzo a fare queste domande, dove forse le risposte le hai già date. Ma dato che voglio impegnarmi a fondo in questo progetto e che per ora tutto quello che mi hai suggerito mi è stato utile e mi continua a motivare nel perseverare ad avere questo desiderio di un amore come lo voglio io, non voglio rispondere con superficialità perchè non ho capito bene la domanda.

    Grazie infinite

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Lety, hai fatto benissimo a chiedere chiarimenti, nessun imbarazzo: anche a scuola i ragazzi più svegli e che rendono di più sono quelli che fanno domande. Anche se qui ovviamente non siamo a scuola 🙂 . Hai capito benissimo: impara a conoscerti. Puoi scoprire (faccio un esempio a caso, che magari non c’entra nulla con te), che bagnare le piante del tuo appartamento con cura una o due volte la settimana (magari al sabato mattina), controllando come stanno, sistemandole un po’, ti rilassa, ti mette in contatto con te stessa e ti fa prendere la giusta distanza dalle questioni della vita. E’ ovvio che questa sarà un’attività alla quale dedicare sempre un po’ più d’impegno e di attenzione, in vari modi. E’ così che impari a coltivare nuove emozioni, che ti danno un maggiore equilibrio e sicurezza in te stessa e ti rendono più forte e più sicura, oltre che più felice. Procedi con fiducia, comprendere bene queste cose e conoscere se stessi è una competenza che si fa propria con la pratica. Buon percorso!

    • Fi

      Buon giorno Ilaria,
      Io non ho mai capito come funzionano i soldi nella coppia. Paga sempre lui? Quando divorziano lui mantiene lei per sempre? Ma perche’ quindi stupirsi che gli uomini sono fuggevoli?
      Da ormai 20 anni incontro uomini finanziariamente devastati dalle ex mogli. Non mi stupisce che io abbia difficolta di incontrare Un uomo per me perche io Un uomo rovinato dalla ex moglie non lo voglio. Hai consigli da darmi?

    • Ilaria Cardani

      Scarta gli uomini che dicono di essere finanziariamente devastati dalle mogli e seleziona uomini responsabili e non lamentosi.

  6. Elena

    Grazie Ilaria,i video sono molto utili, proprio l’altro giorno ho sperimentato con una persona con cui mi sto frequentando da un mese,sto cercando di avere un atteggiamento più sereno,positivo e di cercare di non pensare male su questa persona dopo mille persone che mi hanno delusa..però dentro di me ho una paura assurda e vivo con l’ansia,perché mi trovo molto bene e vedo che anche lui ricambia,ma ho paura di come andrà,io vorrei già sapere se sta prendendo la cosa seriamente e se vuole stare con me ma forse sono io che mi faccio troppe domande..non so come prendere questa cosa,perché vorrei sapere cosa prova lui,ma non posso di certo chiederglielo dopo un mese e mezzo..o si?

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Elena, un mese e mezzo di conoscenza è pochissimo. E’ utile essere pazienti e distrarsi rispetto alla (possibile) relazione. Procedi con la visione dei video e gli appunti di viaggio e semmai rivedi i video e soprattutto applica. Trovi lì le indicazioni più utili.

  7. Alessandra

    Grazie mille , a volte il cuore non vede sempre le cose reali

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Sì, è proprio così.

    • Antonella

      Grazie Ilaria oggi sei tu la luce in questo mio momento buio. Soffro per un uomo più grande di me, bello scapolo ma non giusto per me…mi riconosco abbastanza tuoi video..dici sacrosante verità..continuerò a guardarli e cercherò di metterli in pratica.
      Al momento le mie risorse finanziarie non mi consentono di regalarmi il tuo percorso ma ti scrivo comunque per ringraziarti

    • Ilaria Cardani

      Grazie a te! Metti in pratica con costanza tutto quello che trovi a disposizione sul blog!

  8. Marisa

    Ciao Ilaria, ho iniziato da poco a guardare i tuoi video. So che sono utili e pieni di consigli giusti ma sono così difficili da seguire. E’ un periodo di grande confusione per me. O forse sono stata sempre confusa: dibattuta tra il mio sentirmi spirito libero e senza legami impegnativi e la voglia di stare con qualcuno. Quando sto con un uomo dopo un pò di tempo mi stanco e sento il desiderio di riavere la mia libertà e fare quello che voglio.
    Ora sto con un uomo già impegnato da dieci mesi e sento che mi sto stancando. Anche se mi piace moltissimo. Eppure inizia a mancarmi la mia vita da single.
    Ho 49 anni, sono quasi anziana ma non ho paura di stare sola. Forse perchè fisicamente sto bene.
    Mi piacerebbe parlare con te.

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Marisa, certo, stare con un uomo impegnato è un doppio impegno ed è terribilmente umiliante. Forse che è per questo che ti stai stancando? Se vuoi scrivimi in privato, al mio indirizzo ilaria(at)lapersonagiusta.com dove l'(at) lo devi sostituire con l’@.

  9. Silvia

    Ciao Ilaria grazie x questi video cercherò di metterli in atto .

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Grazie a te! 🙂

  10. Fid

    Ciao Ilaria,
    la luce? ogni giorno ho visto la mia luce spegnersi un po’ di più…ma sai perchè? la tengo spenta io volutamente.
    Mi capita a volte di riaccenderla ma mi accorgo quasi da subito di attrarre a me uomini che non fanno per me…ossia sbagliati. E allora mi spengo…mi chiudo, mi imbruttisco e adotto un atteggiamento freddo per comunicare, all’uomo che mi ha notato, “non faccio per te…non ti avvicinare…ti prego”!
    E’ esattamente il contrario: tu spieghi che sia proprio la luce spenta invece ad attrarre uomini sbagliati che hanno un radar particolare per le fragilità…io credo, al contrario, che sia la luce buona ad attrarre le falene. In fondo anche Cristo attirava solo peccatori in cerca di redenzione. Secondo me funziona allo stesso modo.
    Questo però non mi porta a trascurare la mia luce anzi…cerco di coltivarla e di renderla spiritualmente e qualitativamente migliore conservando la speranza di attrarre meravigliose farfalle ossia uomini di valore..
    Così aspetto, aspetto e aspetto…mi focalizzo su di me, mi prendo cura di parti di me e vado avanti facendo le mie cose (e gli anni passano).
    Qualche volta mi accade all’improvviso di sentirmi attratta da qualcuno…magari un uomo che conosco da un po’ e comincio a farci qualche pensierino e a lavorare con la fantasia…decido di accendermi per poi spegnare la mia luce subito dopo nel momento in cui mi accorgo di qualcosa che non va nel suo atteggiamento o nelle sue abitudini (es. fumatore).
    (Premessa: questo video mi capita proprio nel momento giusto… pochi giorni fa ho cominciato a riflettere e rivalutare un conoscente…domandandomi se potevo piacergli e come fare per attrarre la sua attenzione che a volte sembra ricambiata altre volte no…ma mi sono immediatamente spenta nel momento in cui ho visto che accendeva una sigaretta…ditemi ciò che volete ma io non posso farci nulla…non mi piacciono i fumatori…sono una sportiva e per me un buon fisico va a braccetto con sane abitudini).
    Ovviamente questo porta ad un unico pensiero: ma ci sarà mai qualcuno di veramente adatto a me? Dov’è, secondo te, il comportamento sbagliato
    Grazie Ilaria per i tuoi preziosi consigli che portano sempre a belle riflessioni

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Fid, capisco perfettamente che tu ti paragoni a Cristo (a chi altri sennò?) e ho dei dubbi che lui attirasse solo peccatori in cerca di redenzione. Chi te l’ha raccontata questa versione dei fatti? E quindi tu attrai solo peccatori in cerca di redenzione? Oh, santo cielo, che modo di vedere la vita e le relazioni… Sicura che ti sia utile?

  11. fid

    Ciao Ilaria,
    forse non sarò Gesù Cristo…ma di certo Cristo attirava molti peccatori…mi auguro per lui anche anime buone e al suo stesso livello spirituale ma di certo molte, molte meno….sappiamo che fine ha fatto!
    No…io se vedo un peccatore..spengo la luce!
    Nel senso che capita di notare tipi con luce emessa da una lampadina di materiale scadente…e allo stesso modo di fronte alla mia luce possono reagire in 2 modi differenti:
    o per invidia e vogliono spegnere la mia di luce
    o per attaccamento perchè vorrebbe essere proprio come te e accedersi di fronte alla tua luce o vivere di luce riflessa…
    ma se non fanno per te rischi di circondarti di gente che non ti merita.
    Non so se mi sia utile questo modo di intendere la vita e le relazioni..ma allo stesso modo io mi accendo di fronte a tipi dalla luce straordinaria (per me) che poi fanno lo stesso con me ossia si spengono in mia presenza…forse non mi ritengono adatta a loro.
    E’ così che va un po’ per tutti…magari trovare la tua stessa lampadina che emette luce alla tua stessa frequenza sarebbe l’ideale. Vedi il fumatore…mi sono spenta. Il problema è dove trovare, dove cercare. Grazie

    Rispondi
  12. Dany

    Cara Ilaria,
    Grazie per il lavoro che svolgi!
    Spunti di riflessione e tanto pragmatismo.
    Ho 45 anni, 3 figli. Da un anno di finalmente avuto la forza di liberarmi di un marito ossessivo e maniacale. Un matrimonio infelice durato 15 anni, la maggior parte dei quali “allietati” dalla compresenza di un terzo. Mi aiutava a sopravvivere. Ho mollato tutti e due. Mi sono ripresa la mia vita. Ho anche cambiato lavoro, sto seguendo la mia passione cosa che lui mi ha sempre impedito di fare. Tutto sembra andare finalmente come io desidero. Poi incontro lui, il mio uomo perfetto….. sposato…. mi dico, non mi faccio incastrare. Ormai so bene come gestire queste situazioni. Invece ci sono caduta mani e piedi. E ora mi sono trasformata nella guerriera per tentare di allontanarlo. So che e la cosa giusta ma in fondo desidero altro. Ma come è possibile che ci sia ricaduta?? Dove ho sbagliato e quali possono essere i punti forti su cui ripartire? Se sai che col fuoco di bruci perché ti sei già scottata non dovresti più avvicinarti….
    Ti ringrazio in anticipo e di vero cuore per la risposta che vorrai darmi. Dany

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Dany, mi viene una domanda semplice semplice: ma tu ti vuoi abbastanza bene? Ti ami?

  13. Dany

    Cara Ilaria, penserei anche di sì. Ma date le circostanza è palese che c’è qualcosa dentro di me che ancora non è a posto. Come posso anche solo considerare un uomo sposato (per quanto abbia tutte le caratteristiche che ritengo valide) come il massimo per me? Cosa c’è in me che non va? Grazie….

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Tutto va benissimo. Non accampiamo scuse. Solo che ti vuoi poco bene e non vuoi fare fatica a volertene.

  14. Dany

    Puoi spiegarmi meglio per favore?

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Una donna che si ama e si rispetta non prende in considerazione un uomo sposato, dato che un uomo sposato 1) ha una compagna ufficiale che mette come priorità e considera importante; 2) non è onesto; 3) sta usando l’altra per divertirsi 4) mollerà l’altra appena gli romperà un po’ le balle 5) si sta approfittando della fragilità di una persona. Inutile dire che c’è qualcosa che non va in te come se ci fosse un difetto di fabbrica. Più giusto ammettere che non hai rispetto di te, non ti ami, non hai considerazione del tuo valore e della tua dignità. Ed è su questo che ti devi mettere di impegno. Più chiaro così?

  15. Dany

    Decisamente
    Grazie

    Rispondi
  16. Antonella

    Ciao Ilaria, i tuoi video sono molto interessanti e mi danno molti spunti di riflessione. Premetto di essere una ragazza di 33 anni e di essermi affacciata alla vita di relazione relativamente tardi (avevo 28 anni quando ho avuto il mio primo appuntamento con un uomo), ma in questi 5 anni ho fatto molti passi in avanti. Ho avuto la mia prima esperienza intima con un ragazzo che mi piaceva molto ma con cui non c’era dialogo.
    Successivamente ho vissuto la mia prima vera relazione sentimentale con un ragazzo poco più grande di me, terminata con un brutto tradimento da parte sua con mio conseguente esaurimento nervoso.
    Da questo momento negativo sono uscita iscrivendomi nel 2016 ad un corso di ballo in cui ho conosciuto un ragazzo che da subito mi ha suscitato interesse e con cui ho avuto un coinvolgimento fisico e sentimentale.
    Mi spiego meglio: tra il 2016 e il 2017 io e questo ragazzo abbiamo iniziato ad uscire insieme come amici, solitamente in serate di ballo e con amici del corso, poi abbiamo stretto un legame molto forte di amicizia che ci portava ad uscire anche solo per un caffè e raccontarci la settimana. Lui è un ragazzo a cui piacciono molto le donne e per questo motivo ho sempre avuto un pizzico di diffidenza nei suoi confronti e ho cercato di mantenerlo al suo posto.
    Verso Natale 2017 una sera siamo usciti da soli per andare ad una festa di ballo e lui nel riaccompagnarmi a casa ha tentato un approccio fisico da cui sono praticamente fuggita, perchè avevo timore di cadere nelle braccia sbagliate.
    Da quel momento però qualcosa è scattato in me, ho cominciato a vederlo con altri occhi e praticamente ci siamo corteggiati fino al marzo 2018, in cui siamo finiti a letto insieme.
    Dopo questo episodio, lui si è tirato indietro per vari motivi ma abbiamo continuato a uscire come amici, con mia grande fatica e anche se si vedeva che lui avrebbe voluto provare a riconcquistarmi dopo la sua ritirata. Io non mi sono più concessa e dopo sei mesi di tentativi da parte sua (tentativi non dichiarati ma velati) di riconquistarmi, si è fidanzato con un’altra ragazza (non dicendomelo, io l’ho scoperto da terze persone).
    Ora, a distanza di un anno, ha ricominciato a farsi sentire (in realtà non abbiamo mai smesso di sentirci) e ogni tanto ci vediamo per un caffè come ai vecchi tempi. Nonostante sia ancora fidanzato, è come se stesse cercando di tastare il terreno ed io ammetto che mi fa molto piacere sentirlo ma nel frattempo io non sono stata a guardare, sono uscita con delle persone.
    Ti devo confessare che io non sono mai stata una ragazza da grossi slanci affettivi, ma penso di essere stata (e probabilmente lo sono ancora) innamorata solo di questo ragazzo nella mia vita, perchè è capitato in un momento della mia vita in cui pensavo di avere perso tutto, la capacità di voler bene a qualcuno o di affezionarmi a qualcuno, la fiducia in me stessa. Lui mi ha aiutata a ritrovarmi come persona e come donna e mi ha aiutata a pensare che si può piacere a qualcuno esattamente come sei, senza maschere o filtri.
    Ora penso: se fosse lui la persona giusta per me e io non sono stata in grado di cogliere il momento?

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      La persona giusta? In che senso, scusa?

  17. Giovanna

    Ciao Ilaria,
    Sto arrivando! leggendo con molta attenzione e cercando di seguire per quanto riesco e, mi sforzo di farlo, i consigli che dai. Sono anche ovvi per erti aspetti o comunque mi verrebbe da darli ad una terza persona ma … ma quando riguarda noi stessi, quando sei coinvolta quando sei dentro … tutto diventa più difficile e ti senti sempre più schiacciata.
    E’ vero che la luce che emaniamo è un’ottima carta da “giocare”, è vero che se siamo serene appagate emaniamo calore serenità freschezza … ma è proprio perché non siamo serene che diventa difficile emanare la luce…
    Nel senso se emanassi luce non avrei il problema …. in sintesi di riassumo la mia situazione … in tre anni ho subito, e non è finito, un mobbing al lavoro ho avuto 3 lutti in 5 mesi molto importanti in famiglia ho un figlio con un carattere molto forte … anche il mio compagno mi ha lasciato dopo 6 anni da 8 mesi …. aggiungi che lavora con me ….
    mi ha destabilizzato non solo un altro “lutto” ma il suo atteggiamento e il suo modo di fare e di parlare in questi mesi … mi ha messo seri dubbi su tutto anche i 6 anni … ma chi è? chi era?
    Ho molta difficoltà fare finta di niente e averlo davanti 8 ore al giorno… faccio tutto un lavoro … faccio liste… mi impongo atteggiamenti ecc. ecc psicologi consulti soldi spesi viaggi …e poi …. fin’ora è stato inevitabile il confronto l’attacco le richieste … sicuramente questo non ha aiutato magari ad una ripresa come se per questo tempo non ci fossimo visti ogni giorno.
    Difficile riassumere in poche righe ma io ho perso fiducia in me, sicurezza, luce … ovvio che faccio un sabotaggio continuo …..
    Sono dentro un conflitto interno folle lo vorrei ancora? non lo so non ho più fiducia no non lo vorrei …. ma ho paura perché quello che c’era era forte e importante …. ma allora come ha potuto permettere questo?
    Ti scriverò in provato o verrò a trovarti a Milano…

    Rispondi
  18. Mailsec

    Vorrei ringraziare Ilaria per i preziosi consigli, veramente una ottima psicologa. Sto seguendo tutte le sue indicazioni e consigli con grandissimo interesse, cercando di portare nella vita pratica quotidiana quanto appreso. Se ne deduce che tali indicazioni e punti di riflessione sono frutto di una grande osservazione e studio dei caratteri comportamentali sia degli uomini che delle donne, pertanto molto affidabili. Grazie ancora.

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Grazie a te Mailsec, le tue belle parole mi fanno davvero molto piacere.

  19. Martina

    Condivido tutto, il tuo video è Di sicuro interesse, mi rivedo tra le donne che ascolti. Sono laureata, libera professionista iscritta ad un albo ad accesso limitatissimo. Ho 38 anni, gli uomini dicono di me che ho un fisico da vent’enne. Non ne considere neanche uno.
    Innamorata pazza del mio ex, con fatica allontano il divano e cerco sempre di fare attività sportiva da montagna e dove si suda e devi concentrarti..trekking, bici, arrampicata. Almeno per quelle ore il cervello è occupato e fai nuove amicizie.
    A lavoro avvolte mi distraggo pensando a lui, mannaggia!!

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Martina, non va bene essere innamorata pazza dell’ex 🙂 e allo stesso tempo tu sei abbastanza intelligente per capire che questa è un po’ una scusa per “sfuggire” ad altre storie. Quando lo seppelliamo, metaforicamente parlano, l’ex?

  20. Sara

    Grazie ho entrambi questi atteggiamenti purtroppo ma mi impegno per cambiare

    Rispondi
  21. Flor

    Ciao Ilaria,
    interessanti i tuoi consigli, mi ritrovo in tutti gli atteggiamenti tossici che citi, mi sto rendendo conto che una storia finita male tanti anni fa mi ha reso arida, ho fatto un errato lavoro di chiusura su me stessa e grazie a te l’ho capito. Sapevo di avere un problema, ma non sapevo spiegarlo e dargli un nome, adesso grazie a te è tutto chiaro; peccato che credo di aver allontanato la persona giusta, quella che in tanti anni ho sempre cercato trovando solo fallimenti. So che lui ci tiene a me, ma gli trasmetto ansia amplificando le sue (lo sto giustificando? forse!). La mia luce è spenta da tanto tempo e ne sono consapevole da un po’ e la mia corazza da guerriera ha fatto una buona parte del lavoro, avevo promesso a me stessa di non lasciarmi più andare completamente all’amore e anche adesso ho difficoltà. Sento di essere innamorata di lui, ma nello stesso tempo so che lo allontano perché ho paura e non mi voglio fidare, che devo fare? Penso di essere ancora in tempo, ma come devo muovermi? MI arrendo? La strada che ho intrapreso non è quella giusta e adesso so cosa devo fare per me stessa, ma per riavvicinarlo a me che devo fare?

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Ciao Flor, ti fai davvero molte domande e troppe, davvero troppe accuse. Lascia andare, tranquillizzati, conduci una vita ordinata e per un po mantieni rapporti molto essenziali con questa persona, in modo che entrambi possiate prendervi una pausa, senza distaccarvi. Ritroverai te stessa, con calma e tutto sarà più semplice!

  22. Valentina

    Grazie, i video mi stanno aiutando molto, soprattutto perché riscontro nelle esperienze che ho avuto quello che dici, senza saperne niente mi sembra di esserci arrivata da sola a conclusioni simili. Sono consapevole da tanto di avere degli impedimenti inconsci che mi spingono nella direzione opposta a quella che desidero. Infatti ho fatto terapia per quasi 5 anni, mi ha aiutato moltissimo ma ho ancora difficoltà, anche se va molto, molto meglio. Ho dovuto interrompere il percorso per motivi economici e familiari, è anche il motivo per cui è difficile trovare le risorse per magari contattarti direttamente e avviare un nuovo percorso. Ho un solo grande ostacolo, ho difficoltà a focalizzare cosa mi fa così paura di una relazione seria. Quando sono vicina vicina a stare molto bene, luci accese e armi riposte, immancabilmente mi trovo a dire sì a situazioni che sento sbagliate e mi frego da sola. So che il problema mi viene da un’infanzia piuttosto complessa, ero piccola (8 anni) quando i miei si sono separati (anche se vivono ancora oggi nella stessa casa e adesso ne ho 44 di anni), avevamo grandi problemi economici e loro hanno “dimenticato” di fare in primo luogo i genitori e avevo trasformato me stessa “nell’adulta che sostiene, aiuta e si occupa risolvendo degli altri”. Mi è persino riuscito! Mi manca solo questo la per andare finalmente oltre e intraprendere finalmente una relazione in cui sentirmi accolta, accogliere e che soprattutto abbia buone possibilità di durare. Ho difficoltà a mettere a fuoco quale grande paura ancora mi blocca. Mi sai dare un consiglio?
    Intanto ti ringrazio di cuore; faccio l’educatrice e ricambio volentieri se c’è qualcosa in cui posso essere utile. 😊

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Lascia andare il bisogno di sentirti utile e importante per gli altri per essere accettata e chiedi alle persone giuste un amore sano e pulito.

  23. Lucia

    Ciao Ilaria, ti ringrazio per averti conosciuta ,ti ho trovata l’altra settimana,mi stai dando una mano piano piano a sollevarmi. Sto uscendo da una relazione che è durata 9 mesi, sono stata bene finchè non si è messa nel mezzo la sua famiglia gli ultimi 10 giorni sono stati per me tremendi che mi hanno un pò traumatizzata. Lui ha fatto di tutto per lasciarci non ha fatto niente per rimediare. E’ sparito come se niente fosse successo neppure un mi spiace anche per quello che abbiamo vissuto in 9 mesi. A volte mi chiedo cosa ho sbagliato, sono sempre stata con lui e la sua famiglia comprensiva rispettosa. Non ha neppure dato un tempo da dedicarci per una riflessione oppure quale era la cosa più giusta da fare per noi dato che abbiamo passato 9 mesi belli. Grazie per la tua risposta

    Rispondi
  24. Elisa

    Ciao Ilaria è stata una fortuna incontrarti… grazie perché fornisci gli strumenti per ragionare con lucidità a tutte quelle donne che come me rimangono imbrigliate in quelle che sono pure strategie messe in atto da alcuni uomini che tu descrivi perfettamente e dai quali nessuno mai ci mette in guardia. Credo in fondo noi donne è vero abbiamo anche tanti difetti ma applicare strategie vere e proprie in amore non è proprio nella nostra natura. Avere letto quello che scrivi mi ha consentito di smascherare con una atteggiamento neutrale quello che forse altre donne mie amiche dall’esterno non hanno percepito come me
    o che magari se avessi avuto un amico sincero avrebbe subito potuto capire la situazione per non farmi perdere tempo prezioso. In alternativa a tutto questo ci sei tu. Grazie mille Ilaria

    Rispondi
    • Ilaria Cardani

      Grazie mille a te!

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note tecniche:

Se dovessi avere delle difficoltà nella visualizzazione di qualche video è perché probabilmente ha bisogno di essere caricato completamente prima che tu clicchi su PLAY (cioè sulla casella con la freccetta che va a destra).

Ti suggerisco di mettere in pausa il video, lasciar caricare la barretta che vedi in basso, e poi cliccare PLAY.

Per goderti al meglio il video mettiti comoda, usa una buona connessione e regola il volume come preferisci, né troppo alto, né troppo basso.

Pin It on Pinterest

Share This